Assemblea di “Parma io ci sto”: resoconto 2019, obiettivi 2020

Si è svolta oggi l’assemblea degli associati di “Parma, io ci sto!”.

Dopo il saluto di Cristina Bazzini, Presidente di Colser, che ha ospitato l’assemblea, sono stati presentati i risultati dell’anno e i progetti per il 2020.

Il 2019 è stato un anno strategico per “Parma, io ci sto!”, che oggi può contare sul sostegno di 127 associati, di cui 17 nuovi iscritti: 20 i progetti e le collaborazioni nel 2019, il secondo Bilancio di Sostenibilità presentato lo scorso settembre, redatto e sottoposto a relazione di revisione da Deloitte, un sito completamente rinnovato nei contenuti e nell’aspetto grafico e un’accresciuta visibilità sui media e sui social, con un incremento rispettivamente del 60% delle uscite stampa e del 100% di “like” sul profilo Facebook dell’Associazione.

“Il 2019 è stato un anno impegnativo, in cui la parola chiave per l’Associazione è stata “portare valore” ai progetti, alla nostra presenza sul territorio in particolar modo allo sviluppo di Parma 2020 che adesso è ai nastri di partenza – ha commentato il Presidente Alessandro Chiesi -. Parma Capitale Italiana della Cultura è stato senz’altro il progetto che più ci ha coinvolti e impegnati. L’Associazione non solo ha contribuito alla preparazione del Dossier di candidatura, che si è rivelato vincente, ma ha anche promosso e sostenuto il Comitato e avviato due progetti rivolti alle aziende che hanno già avuto un’ottima risposta da parte delle imprese. Il prossimo anno sarà un’occasione irripetibile per prendere coscienza della forza della nostra città e comprendere il valore che la cultura assume per la coesione sociale, l’integrazione, l’innovazione, lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo”.

Come noto, i progetti sono Imprese Aperte, cui hanno già aderito 38 aziende e per il quale sono stati organizzati oltre 200 eventi tra marzo e novembre, e la call Imprese Creative Driven, il cui termine per la presentazione dei progetti è prorogato al 24 gennaio 2020. Lo scorso 3 dicembre, inoltre, il Presidente è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione del programma di Parma 2020 davanti alla platea riunita a Palazzo Mezzanotte a Milano in rappresentanza del mondo privato che sta lavorando al progetto.

È stato affidato agli assessori alla cultura Michele Guerra e al turismo Cristiano Casa il compito di raccontare a che punto è la città rispetto ai preparativi per il prossimo anno: “Parma 2020 deve fare nascere in noi lo spirito di custodia perché è un corpo fragile che abbiamo il dovere di proteggere – ha commentato l’assessore Guerra. Per l’assessore Casa “il prossimo sarà un anno di allenamento in preparazione al futuro della città. Sarà importante sfruttare e cogliere ogni dettaglio per metterlo a patrimonio”.

Durante l’assemblea il Direttore dell’Orto Botanico Renato Bruni ha introdotto il progetto di recupero, tra le iniziative focus dell’associazione per il prossimo anno e che vede coinvolto un gruppo di lavoro costituito da “Parma, io ci sto!”, dall’Università di Parma e lo Studio Canali. Per il Prof. Bruni “l’Orto è oggi un luogo che non esprime appieno le sue potenzialità, 11 mq di verde nel cuore della città che racconta storie diverse e rivolte a pubblici eterogenei, dai giovani alle famiglie”. Il progetto architettonico curato dall’Arch. Guido Canali è infatti mirato a recuperare e valorizzare non soltanto le strutture fisiche dell’Orto ma anche e soprattutto il suo ruolo, per restituirlo alla città e ai cittadini quale luogo di dialogo.

L’assemblea è stata anche l’occasione per presentare l’iniziativa N.E.X.T. – New Experiment for Training, promossa da Fondazione Cariparma e ideata da Number1 Logistics Group in collaborazione con Caritas Fidenza – Caritas Parma, Ciac, e che ha l’obiettivo di trasformare l’emergenza migranti in un’opportunità per il territorio, creando percorsi di formazione al lavoro, primo passo verso l’inclusione.

Il 2019 di “Parma, io ci sto!” è stato un anno fondamentale perché ha visto concludersi due progetti di differente portata che l’Associazione ha sostenuto e promosso fin dall’inizio: Food Farm 4.0 e la Piazza Leoni a Torrechiara. Il primo, inaugurato a ottobre alla presenza della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, è il laboratorio, primo nel suo genere in Italia, organizzato come azienda agroalimentare che mette in rete la scuola e il mondo del lavoro per sviluppare una didattica avanzata in sinergia con le imprese. Il nuovo assetto spaziale della Piazza Leoni a Torrechiara è stato invece inaugurato a settembre.

Nel corso dell’anno l’Associazione ha inoltre aggiunto un nuovo “tassello” al suo impegno, inserendo la sostenibilità ambientale tra le sue aree strategiche, accanto ad agroalimentare, cultura, turismo, innovazione e formazione. A giugno “Parma, io ci sto!” ha infatti presentato il Cantiere della Sostenibilità Ambientale per il quale è stato costituito un nuovo gruppo di lavoro. Il Cantiere è impegnato sul progetto del KilometroVerdeParma, per definire un piano coerente di sviluppo progettuale che sia il più inclusivo possibile e diventi segno tangibile per la città, e sostiene la candidatura di Parma come European Green Capital 2022, per contribuire e valorizzare azioni e iniziative che promuovano la mobilità sostenibile, la resilienza e lo sviluppo sostenibile della città.