INTERVISTA – Pietro Marocchi: “Appoggio la Lista Stocchi. Non chiedo nulla per me. A Colorno ci sono voglia e necessità di cambiamento”

Nel 2018 Pietro Marocchi è stato il coordinatore del Comitato che al referendum si oppose alla fusione tra i Comuni di Colorno e Torrile. I suoi passato e presente sono a sinistra: è stato segretario del PCI di Colorno e poi sostenitore di Articolo Uno e Liberi Uguali.

Circa un mese fa, per motivi familiari, ha ritirato la sua candidatura da sindaco di Colorno (leggi). Quindi ha compiuto la scelta di sostenere la candidatura a sindaco di Christian Stocchi, un candidato civico, proposto da un Comitato civico composto da più di cento persone, che nelle settimane successive ha ottenuto l’appoggio esplicito tanto nelle dichiarazioni quanto nel simbolo dei partiti di centrodestra (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia). Apprezzati la persona e il programma, Marocchi sostiene Stocchi senza chiedere nulla in cambio per sè… “solo il cambiamento a Colorno”.

Come stai vivendo questa fase della campagna elettorale, dopo il ritiro della tua candidatura a Sindaco?

Dopo aver ritirato la mia candidatura a Sindaco, per gli ormai noti motivi, mi sento sollevato e tranquillo. Credo che non sarà una campagna elettorale facile per nessuno. Da parte mia metterò il mio tempo libero a disposizione della Lista Stocchi. Rilevo la voglia di cambiamento dei Colornesi rispetto ad un’Amministrazione arrogante e divisiva e questo mi rende particolarmente ottimista sull’esito elettorale. Spero che sarà una campagna elettorale basata sui programmi e non sulle persone, rispettosa delle diverse posizioni, fra avversari e non fra nemici.. ma visto gli ultimi avvenimenti non ne sono tanto sicuro.

La candidatura di Manfrini per il centrosinistra è stata dichiarata dagli stessi proponenti “in continuità” con l’Amministrazione uscente del Sindaco Canova. Ciò rende impossibile il tuo sostegno?

Direi assolutamente sì. Già durante la campagna per il referendum per la fusione mi ero posto in netto contrato con l’Amministrazione uscente e poi quando ho incontrato il PD di Colorno e il PSI ho chiesto la “discontinuità” dalla attuale Amministrazione nelle persone e nel metodo di amministrare. Vista la scelta di assoluta continuità dell’Amministrazione uscente mi vien da dire: “Il potere logora chi non ce l’ha ma, logora ancora di più chi lo sta per perdere”. Mi corre l’obbligo di chiarire che, mentre con i rappresentanti del PSI mi sono incontrato varie volte, e di questo li ringrazio, da parte dei rappresentanti del PD locale non ho più ricevuto inviti per ulteriori incontri.

Cosa ti ha convinto della candidatura di Christian Stocchi e come consideri conciliabile quel voto per lui coi tuoi passato e presente a sinistra?

Quando decisi di incontrare Christian lo feci per conoscere lui e il suo progetto. La prima cosa che abbiamo condiviso è il metodo sia di preparazione del programma sia di come intendeva, nel caso fosse eletto sindaco, rapportarsi con i Colornesi (ascolto e condivisione). Gli ho presentato alcuni punti del mio programma, che lui ha condiviso. E poi mi fa fatto una domanda: “Ti crea problemi il fatto che partiti di destra sostengano la mia candidatura?”. E qui veniamo alla seconda parte della tua domanda. Ho conosciuto le persone che appartengono ai partiti di destra, discusso con loro delle scelte per Colorno che non si discostano da quello che ritengo importante. Nei confronti di chi ha già iniziato a criticare la mia scelta mi dico: “Non ti curar di lor, ma guarda e passa”. Certamente continueranno a criticarmi ma ho le spalle robuste e sono abituato ad accuse simile. Da parmigiano ti rispondo: “na’ squasäda ed spali e via andär”.

Cosa è mancato nella candidatura di Alberto Padovani per ottenere la tua fiducia ?

Con Alberto Padovani mi sono incontrato più volte. A lui rimprovero la sua scelta di non aver voluto congelare la sua candidatura, che avrebbe potuto aprire strade diverse. Sono sempre stato contrario all’esasperazione del personalismo che mi ricorda troppo l’Amministrazione uscente.
Permettimi di chiudere nel ringraziare gli amici che hanno condiviso e lavorato con me sul progetto di “Tu sei Colorno “ così come tutte le persone che hanno espresso solidarietà alla mia candidatura.
La campagna elettorale vedrà i candidati sindaco impegnati in un rapporto diretto con gli elettori e aggiungo che questo rapporto sarà ancora più importante dopo l’elezione. Nel programma di Christian Stocchi ho riscontrato questa volontà. Ai Colornesi che vogliono la rinascita di Colorno dico: partecipate agli incontri, conoscete di persona sia Christian sia i candidati consiglieri, sentirete già lì un’aria nuova che sarà la stessa dopo che questo progetto risulterà vincente.

Andrea Marsiletti