INTERVISTA – Gambarini (FI): “Ci stiamo preparando per le comunali di Fidenza. A Salso il centrodestra ha buttato via la vittoria”

Intervista a Francesca Gambarini, consigliere di opposizione a Fidenza ed esponente di Forza Italia.

A livello nazionale esiste ancora uno spazio per Forza Italia o ormai siete destinati ad essere prosciugati dalla Lega di Salvini?

Per Forza Italia c’è uno spazio molto ampio: dobbiamo soltanto (ri)conquistarlo. Certo, per farlo è necessario (e per esempio è necessario in Emilia Romagna), un rinnovamento dei dirigenti del partito.

Dobbiamo tornare a parlare dei temi che interessano al nostro elettorato, fatto soprattutto di imprenditori, artigiani e professionisti. Dobbiamo parlare a quella parte del Paese che non si riconosce nella sinistra o nei suoi derivati più ideologici, i 5 stelle – basti pensare al cosiddetto decreto dignità, roba da Pci degli anni Sessanta – e dare soluzioni di buon senso e concrete ai loro problemi e alle loro esigenze. Se non saremo in grado di rinnovarci avremo grosse difficoltà.

Alcuni di voi sono stati molto critici con la dirigenza locale di Forza Italia all’indomani della sconfitta alle recenti comunali di Salsomaggiore. Pensi che la vittoria fosse alla portata del centrodestra con un’altra candidatura?

A Salso il centrodestra ha buttato via la vittoria. In un momento così favorevole a livello nazionale per riuscire a perdere ci è voluto un grosso impegno. Questo significa che, e mi permetto di parlare esclusivamente per Forza Italia, è stato sbagliato tutto: dalla candidata sindaco ai candidati consiglieri della lista all’impostazione della campagna elettorale. E, quindi, lo ribadisco: chi in Forza Italia ha avallato certe scelte deve dimettersi. Sono state escluse persone che hanno dimostrato di avere capacità e competenze e che amano Salso. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Il dramma è che i vertici locali, provinciali e regionali del partito non se ne vogliono rendere conto.

Come sono i rapporti dentro la coalizione di centrodestra a Fidenza, in particolare con la Lega?

I rapporti all’interno della coalizione di centrodestra sono ottimi. Stiamo lavorando insieme su molti temi, cercando di fare un’opposizione che sia il più possibile costruttiva e utile alla città. Il rapporto con i rappresentanti della Lega è molto buono e siamo uniti nell’opposizione alla pessima amministrazione Massari. Il centrodestra a Fidenza è vivo e sta lavorando per costruire un’alternativa seria al malgoverno di Massari.

La candidatura di Massari sembra forte, o sbaglio?

Un sindaco uscente si ricandida presentandosi con ciò che ha fatto e che non ha fatto per la città. I cittadini giudicheranno. Alle elezioni tutti i candidati partono da zero ma questa volta Massari dovrà rendere conto di tante cose: dalla ripresa della cementificazione all’aumento di tasse e tariffe, dalla crisi del centro storico alla crescente insicurezza. E poi dovrà dire perché ha speso 200 mila euro per un evento di 3 giorni nemmeno così ben riuscito o perché continua a negare l’arrivo di nuovo presunti profughi. A me non sembra il modo giusto per fare il bene di Fidenza e gestire i soldi dei fidentini. Con 200 mila euro si sarebbero potute fare tante cose e di sicuro non si risolleva il centro con un evento di 3 giorni. Non mi sembra sia una candidatura così forte la sua! Inoltre nella coalizione di centrosinistra e nel Pd non è tutto rose e fiori… Vedremo!

Chi e come sceglierà il candidato sindaco del centrodestra di Fidenza, ma soprattutto per fare che cosa?

Il candidato del centrodestra sarà scelto a Fidenza in base a capacità e competenze. Le cose da fare sono tante: dalla sicurezza, al rilancio del centro e della città nella sua complesso, al taglio delle tasse locali, al sostegno a chi è in difficoltà. Il nostro programma nascerà dell’ascolto dei fidentini e sarà fatto insieme a loro. Tanti fidentini si rivolgono a noi ogni giorno per segnalarci cosa non va, ma anche per fare proposte. Vorremmo anche ridare importanza alla trasparenza e alla partecipazione, perfette sconosciute per l’amministrazione Massari, amante delle decisioni calate dall’alto nell’interesse prima di tutto del partito. AM

  1. Gambarini “Bonsci Bonsci Bobom” a cui neanche vincere facile riesce. Paolo Buzzi che si spertica in complimenti elevandolo quasi alla “nuova che avanza”. Ma per favore…. Il curriculum della Bonsci Bonsci Bobom lo conosciamo tutti. E con questo ho detto

  2. Premesso che non intendo più rimarcare nulla in merito all’esito delle elezioni a Salsomaggiore dove il Centro Destra non ha trionfato per una manciata di voti; elezioni perse grazie a quanto palesemente dichiarato da taluni “forzisti storici” che per motivazioni meramente personali e non nell’interesse del Partito hanno espresso il proprio voto a favore della sinistra.

    Voglio precisare che a Fidenza non c’è alcun Coordinatore di Forza Italia e quindi nessuno può parlare a nome del Partito ma solo ed esclusivamente a titolo personale.

    In previsione delle elezioni Amministrative del prossimo anno, sono già iniziati i contatti sui territori e al momento opportuno saranno organizzati incontri dai quali scaturiranno i percorsi operativi e le proposte da avanzare.

    In relazione al Comune di Fidenza, non essendoci alcun Coordinatore Comunale, il sottoscritto, in qualità di Coordinatore provinciale di Forza Italia Parma e Provincia, seguirà personalmente le trattative con gli alleati e organizzerà tavoli politici per decidere le linee da seguire nella scelta del candidato a Sindaco; nessun altro è autorizzato a farlo.

    A Parma e provincia sono ancora molte le persone legate al partito, cittadini che hanno la volontà di lavorare in nome e per conto di Forza Italia nell’interesse della collettività.

    Ribadisco quindi che la capogruppo di minoranza di Forza Italia di Fidenza, Francesca Gambarini, può esprimere solo valutazioni personali e non pronunciarsi in nome di diritti politici che non le competono. I Fidentini ben ricordano quando il Centro Destra era in maggioranza e chi devono ringraziare se non lo è più. E’ stato facile e comodo gestire il Partito quando era al 30% e nonostante questo perdere l’Amministrazione del Paese.

    Forza Italia sta effettuando un profondo rinnovamento ma se a Parma si vorrà ripartire da queste persone il rinnovamento è già finito!

    Fabio Callori, coordinatore provinciale di Forza Italia

    • Il commissario Fabio Callori da Caorso (Pc) dimostra di nuovo di non conoscere minimamente il nostro territorio (leggi). Non è ciò per noi una novità dato che ce ne eravamo già accorti, prima ancora che a Salso, alle elezioni di Parma, dove si è occupato lui di lista e candidati. Forse lui se lo è dimenticato ma sono già diversi anni che gestisce Forza Italia nel Parmense e i pessimi risultati sono sotto gli occhi di tutti.

      Ne prenda atto: le sue scelte non apprezzate dai cittadini e dal territorio. Territorio che dovrebbe per una volta ascoltare, invece che ascoltare soltanto i suoi amici e andare avanti attaccando le persone che non gli sono simpatiche.

      Provi a guardare all’interno di Forza Italia e inizi a valorizzare le persone che hanno capacità e competenze, invece di circondarsi di persone che hanno militato in tanti altri partiti.

      Quando si vanta dei suoi successi nel parmense ammetta che sono stati ottenuti anche grazie agli amici della Lega, non certo grazie alla sue scelte e ai suoi amici.

      Gli ricordo inoltre che Francesca Gambarini non è più coordinatore comunale da almeno 5 anni e, caso più unico che raro, ha messo l’interesse della città davanti a tutto il resto, come ben sappiamo tutti. Forse per il sig. Callori, invece, la stella polare e cosa più importante è tenere la poltrona per 5 anni. Ricordi che conquistare un ballottaggio a Fidenza con il Pd allora al 40% e avendo tutti contro non era impresa facile. La signora Boselli prima di prendersela con gli altri si ricordi che lei a Parma era candidata non con Forza Italia ma con un’altra lista e ha conquistato ben 7 voti.

      Se vogliamo portare Forza Italia allo 0% quella di Callori e Boselli è la strada giusta.

      I panni sporchi ero convinto andassero lavati in casa. Sono fiducioso che il rinnovamento iniziato dal presidente Berlusconi investirà anche questo territorio.

      Dobbiamo ripartire da zero con una Forza Italia innovativa, aperta al contributo e alle idea di conosce il territorio.

      Nicolas Brigati
      Coordinatore provinciale Forza Italia Giovani

  3. Interveniamo  in merito alle uscite veementi di coloro che ancora si professano appartenenti a Forza Italia, orbene vorrei far notare a codesti personaggi che per appartenere a qualcosa bisognerebbe almeno aver il coraggio di non sputare cattiverie su coloro che hanno lavorato per quella che dichiarano oggi per Fidenza, la loro causa, professandosi fenomeni o superesperti della situazione locale o territoriale.

    Vorrei far notare ai lettori  che costoro si sono preoccupati nel rivendicare alte capacita’ politiche personali , lamentandosi solo in corso sulle scelte della campagna elettorale di Salso, sulla incapacità del centrodestra di vincere a ‘mani basse ‘, però, constatiamo, che di fatto non si sono mai sentite uscire dalla loro bocca parole contro il sindaco Fritelli, mai che si sia sentito un attacco, un punto in cui lo  avversassero direttamente o lo contrastassero, questo ci dovrà far pensare e riflettere sulla loro posizione all’ interno dello scenario politico provinciale del centrodestra.

    Noi di Forza Italia Salso ci chiediamo come mai a Fidenza, questi personaggi avversano  il sindaco Massari dai banchi della minoranza mentre a Salsomaggiore non sollevano e non hanno sollevato una parola contro il sindaco Fritelli ovvero non ne criticano l’operato come presidente di provincia, anzi ne dichiarano esplicitamente il loro voto a favore, vorremmo capire o meglio vorremmo che lo spiegassero ai Salsesi visto che non sono mai mancate nei confronti FI Salso e della lista parole denigratorie dirette, ci spiegassero come si fa a sostenere un ruolo a Fidenza in Fi, mentre  a Salsomaggiore sostengono l’ esatto posizione opposta cioè appoggiare il PD e Fritelli.

    Vorremmo capire, delle valutazioni in merito si sono fatte e nel prossimo futuro nel breve periodo tutto si svelerà chiaro e limpido.

    Illuminateci sulla vostra posizione  e pratica politica dei ‘due forni ‘…  anche i Fidentini dovranno capire come stanno le cose…!

    Del. cittadino  FI Salsomaggiore Terme

    Cinzia Boselli

    • La signora Boselli conferma ancora una volta di vivere in un altro mondo e pontifica dall’alto delle sue 40 preferenze.

      Dimentica che il sottoscritto è colui che in questi anni ha fatto la più forte opposizione alla sinistra a Salso.

      Forse la signora Boselli è talmente attaccata a quel poco di potere che nella sua mente concede l’essere coordinatore comunale di Forza Italia da non rendersi conto che la sua lista è stata letteralmente rimbalzata dai salsesi.

      Rifletta su questo: non ha ricevuto abbastanza voti dai cittadini perché ha presentato idee e progetti penosi e risibili per Salso.

      Da lei abbiamo letto le solite menate sulle Terme e sul turismo. Col senno di poi, rifiutare il nostro contributo non è poi stata una così grande idea.

      Non appesti ulteriormente il clima parlando di Fidenza (di cui, ad occhio, ne sa come di Salso, ovvero un tubo), parli di Salso e ci dica la data delle sue dimissioni. Se si costruisce una lista andando per esclusione e lasciando fuori chi non risulta simpatico (anche se magari ha i voti) il risultato non può che essere quello avuto da Boselli & co. a Salsomaggiore.

      Lupo Barral
      Forza Italia Salsomaggiore

  4. Tali affermazioni dopo che ha lanciato “m…” verso il centrodestra di Salsomaggiore, fanno capire che Andreotti aveva ragione: il potere logora chi non ce l’ha.

  5. Apprendo da un’intervista rilasciata dalla consigliere comunale di FI Francesca Gambarini, di un presunto raggiunto accordo all’interno della coalizione di Centro destra per le prossime elezioni comunali del 2019 a Fidenza e si parla di colloqui e rapporti distesi tra le componenti della coalizione … cosa che, per quanto riguarda Fratelli d’Italia a Fidenza, non può corrispondere al vero, tanto che gli unici rapporti tra il nostro partito e la Gambarini e suoi amici sono purtroppo riferibili ad insulti ricevuti per la campagna elettorale a Salsomaggiore Terme.

    Le premesse per un dialogo non sono quindi quelle auspicabili, l’augurio è quello che presto si risolva il dissidio interno al partito, manifestato anche sui mezzi di comunicazione.

    Solo da quel momento potremo intraprendere, se voluto da tutti, un percorso comunale segreterie provinciali hanno negli ultimi anni avuto modo di redigere sempre delle ottime squadre da presentare alle elezioni comunali , dove l’ unità d’intenti ha fatto si che anche in comuni ove la vittoria del cdx sembrava una pia illusione , si è riusciti a vincere.

    Per quanto riguarda Fratelli d’Italia – Fidenza, abbiamo già iniziato a lavorare con incontri preparatori per le prossime elezioni, e questo per affermare che sicuramente Fratelli d’Italia sarà presente tra le liste in competizione.Oggi non possiamo affermare con certezza che faremo parte della coalizione ma certamente porteremo le nostre priorità per Fidenza, senza preclusioni personali. Devono cambiare però certi atteggiamenti se , come afferma la Gambarini, si hanno a cuore le sorti di Fidenza e la si vuole strappare al Centro Sinistra.

    Quello successo a Salsomaggiore Terme, dev’essere di monito, per tutti … il sindaco uscente era in netto svantaggio eppure è riuscito a rimontare e poi a vincere.

    Resta per me sconcertante e politicamente infantile il fatto che qualcuno ha ritenuto non partecipare ad un solo evento del candidato che rappresentava comunque anche il proprio partito e il giorno della sconfitta, contestarne la scelta…

    Domenico Muollo
    Coordinatore Comunale Fidenza

  6. Si sa che in politica i fronti opposti hanno idee diverse e che chi governa dice che va tutto bene e chi è all’opposizione che va tutto male: è il cosiddetto gioco delle parti. Ma di una cosa credo i fidentini debbano essere sicuri: dell’onestà intellettuale, della preparazione e dell’amore per la sua città che Francesca Gambarini mette nel volontariato puro con cui concepisce la sua attività politica. Questa è la garanzia migliore per un elettorato che vuole guardare al futuro con serenità e speranza.

  7. La Signorina Gamberini forse vive in un mondo parallelo, perchè dalle cronache, dai social quello che emerge è una presa di distanza di tutti i partiti di centro destra dalla quasi Onorevole…. sempre che, quando parla di accordo non intende per una lista che porterà alla riconferma di Massari

  8. Fidenza, Forza Italia: “La superficialità del sindaco Massari nel trattare il tema della sanità a Fidenza ci spaventa”

    “La superficialità del sindaco Massari nel trattare il tema della sanità a Fidenza ci spaventa”. Lo affermano i consiglieri comunali di Forza Italia Francesca Gambarini e Giuseppe Comerci. “Proprio oggi – proseguono – una fidentina ci ha segnalato l’ennesimo problema al Pronto soccorso con il personale che, per garantire l’assistenza a tutti, fa i salti mortali, dividendosi fra Pronto soccorso e 118. I medici fanno turni massacranti per sopperrire alla carenza di personale dei servizi di emergenza urgenza. A medici e infermieri non può che andare il nostro encomio ma i miracoli nessuno li può fare. La scarsità di personale si ripercuote sulle attese molto lunghe anche per chi ha problemi importanti. Non capiamo davvero perché sindaco e assessore minimizzino il problema. Tutto ciò ci spaventa perché stiamo parlando di salute e con la salute non si scherza. All’ospedale di Vaio ci sono tante eccellenze, che è giusto valorizzare, ma chi gestisce la cosa pubblica deve badare soprattutto a ciò che non va adoperandosi per trovare soluzioni”.

  9. La mancanza di idee del centrodestra fidentino è evidente a tutti. Gambarini, invece di fare delle polemiche sterili studia un pò.

Lascia un commento

Your email address will not be published.