INTERVISTA – Campari (Lega Nord): “Puntiamo a vincere i collegi di Parma. Tutti i sondaggi sono dalla nostra parte. Su tanti indirizzi politici il Pd è allineato a Effetto Parma”

Intervista a Maurizio Campari, segretario cittadino della Lega Nord e consigliere comunale di Parma.

Con quali modalità la Lega selezionerà i propri candidati per le politiche del 4 marzo?

La regola nostra, salvo diversa indicazione del Federale (ovvero di Matteo Salvini), è che tutti i militanti con un’anzianità superiore ai cinque anni possano proporre la propria candidatura. I nominativi vengono inviati contestualmente ai livelli provinciale e al regionale del partito (quest’ultimo per noi è il nazionale, cioè la Lega Emilia). Poi c’è la valutazione di Salvini.

Credete di poter vincere i collegi uninominali della provincia di Parma?

Li riteniamo assolutamente conquistabili. Ce lo dicono tutti i sondaggi, che ci danno in testa con una percentuale dal 35% al 40% più o meno ovunque. Dove la Lega è più bassa sono più alti gli alleati di centrodestra, siano essi Forza Italia, piuttosto che Fratelli d’Italia o la cosiddetta “quarta gamba”.

A Parma giocheranno alcune variabili particolari. Qui da noi esiste una realtà del M5S strana. Pizzarotti, se non sbaglio, ha fatto l’endorsement in favore dei radicali… e quindi, a questo punto, è alleato col Pd. Un Pd che si è spaccato, con Liberi e Uguali di Grasso che nella nostra regione intende candidare nomi di peso quali Errani e Bersani.

Detto questo, più che le disgrazie altrui, mi interessano le alte percentuali del centrodestra. Certamente alcuni collegi della Toscana e dell’Emilia Romagna (penso, ad esempio, a Reggio Emilia) sono per noi tradizionalmente più difficili, ma è per l’appunto nelle zone “più rosse” che potrebbe pesare la sinistra che si è staccata dal Pd.

La sicurezza è notoriamente uno dei cavalli di battaglia della Lega. A riguardo, dal vostro punto di vista, Pizzarotti cosa sta sbagliando?

Pizzarotti è ancorato sulle sue posizioni, non si smuove minimamente, a prescindere da qualsiasi cosa gli venga detto o accada.

Lui concepisce il problema della sicurezza non risolvibile da parte dei sindaci, come è ovvio che sia. I sindaci, però, possono fare concretamente delle cose. Ma Pizzarotti non va a cercare tra le pieghe delle leggi possibilità di azione o soluzioni magari anche complicate. Per Pizzarotti queste difficoltà normative non sono ostacoli da superare, bensì la scusante per non agire e non fare. Per lui le colpe sono sempre gli altri e mai della sua Amministrazione.

In Consiglio comunale il sindaco ha dichiarato che i veri problemi dello spaccio in strada sono il traffico di droga internazionale e i consumatori parmigiani. Al di là che non si comprende perchè mai i consumatori debbano essere solo parmigiani, è ovvio che se si identifichi le cause solo a monte o a valle, gli spacciatori non sono un problema, sebbene tutti i cittadini si rendano conto che nelle strade i cosiddetti “cavallini” stiano diventando sempre più aggressivi e strafottenti. Forti di queste valutazioni della politica, gli spacciatori si sentono sempre più legittimati a fare quello che fanno.

Pizzarotti, pertanto, dovrebbe innanzitutto cambiare atteggiamento su sicurezza e degrado.

Esiste in Consiglio comunale un’opposizione del Pd all’Amministrazione Pizzarotti?

Da quello che vedo guardando il Pd dall’esterno, mi pare abbastanza evidente che non conduca un’opposizione netta. Questo perchè su alcuni indirizzi politici il Pd è abbastanza allineato alle politiche di Effetto Parma. Certo, su alcune delibere vi sono state delle differenze, soprattutto sulla “Città cantiere” che sta andando avanti, ma si è trattato di piccoli distinguo in Consiglio Comunale in un contesto di diffusa condivisione. (AM)

  1. Campari e Cavandoli (Lega Nord): “Serve una vera rivoluzione fiscale: flat tax, semplificazione, sostegno all’occupazione, facilitazione di ingresso per i giovani”

    In merito all’articolo apparso oggi sul maggiore quotidiano nazionale in tema di finanza, intervengono Laura Cavandoli e Maurizio Campari, candidati della Lega Nord alla Camera (uninominale) e al Senato (proporzionale).

    “Oggi l’ISTAT – affermano – ci rende una fotografia degli italiani preoccupati per il loro futuro, che sempre più spesso sono costretti a rinunciare ad alcune spese alimentari e mediche.

    La ripresa economica, ammesso che esista, non riguarda i cittadini comuni.

    Il cambio di passo non può realizzarsi con le politiche che il PD ci ha imposto negli ultimi 7 anni, così come non può essere una soluzione l’assistenzialismo proposto dai 5 stelle che punta a dare uno stipendio a chi rimane inoperoso.

    Serve una vera rivoluzione fiscale: flat tax, semplificazione, sostegno all’occupazione, facilitazione di ingresso per i giovani nel mondo del lavoro, diverse politiche per l’accesso al credito bancario…

    Noi siamo pronti.”

  2. @ Vico , ha ragione non c’e limite al peggio in questo paese , che ignoranza votare Berlusconi

  3. Nessun voto di destra va sprecato su Casapound che non ha nessuna possibilità di vincere nè un collegio uninominale nè di superare il 3% per entrare nella quota proporzionale. Ogni voto dato a casapound è buttato.

    • Ovvero coloro i quali che fino a qualche mese fa si facevano chiamare padani.

  4. La Lega si appresta a superare il 15% e a dilagare al nord. Sicurezza e immigrazione sono i temi centrali del dibattito politico e quelli dove la Lega è più forte e credibile.

    • Si riferisce alla lega che ha legiferato la legge vigente denominata bossi fini???

  5. Un nome che gira come candidato in città è proprio quello di Campari che è in lizza con la Cavandoli per il posto. Entrambi si meriterebbero un riconoscimento dopo tanti anni di impegno e sacrifici gratuiti per la causa leghista.

  6. I collegi di Parma sono ancora a maggioranza Pd sia pur sempre più risicata. Se il democratici sbagliano i candidati li perdono tutti.

  7. Romanini si dice non sarà più ricandidato. Chi sa qualcosa di più?

  8. Temo che la gente darà ancora il voto a Berlusconi. Ma come si fa ad essere così deficienti?

Lascia un commento

Your email address will not be published.