INTERVISTA – Eramo (Parma Protagonista): “Dopo Fedez non voglio più sentire che il Comune di Parma ha finito i soldi. Esiste un’opposizione di centrosinistra a Pizzarotti”

Intervista a Pier Paolo Eramo, capogruppo di Parma Protagonista in Consiglio comunale a Parma.

Com’è fin qui l’esperienza di consigliere comunale di minoranza?

Per me nuova e molto interessante. Sicuramente è un impegno gravoso, soprattutto per chi ha anche un lavoro suo da portare avanti.

L’efficacia della nostra attività è comunque bassa, perchè questo sistema istituzionale non premia le minoranze. L’agenda non la facciamo noi, essendo spesso costretti ad andare dietro agli ordini del giorno dei Consigli comunali e delle Commissioni e alle scadenze istituzionali.

Ho capito che svolgiamo un importante ruolo di cane da guardia, che non mi impedisce di essere propositivo, in particolare su quei temi che abbiamo portato avanti in campagna elettorale.

Su quali in particolare?

In questi primi mesi sono intervenuto sullo strumento dei Consigli dei cittadini volontari. A riguardo il riscontro ricevuto è stato sconcertante. Noi chiedevamo qualcosa di più concreto e più efficace, abbiamo avanzato delle proposte per far partecipare più persone attraverso il voto di carta e lo sfruttamento dell’election day delle elezioni politiche, abbiamo detto no al sorteggio dei componenti. La maggioranza non ha discusso alcuna delle nostre proposte, perchè era già stato deciso tutto. Il giorno dopo era convocata la conferenza stampa. Non ci hanno neppure ascoltati! Questo è il lato frustrante della nostra attività.

Poi mi sono interessato al tema dei disabili… che purtroppo è ritornato. Siamo discutendo di nuovo di soldi che mancano per pagare il centro diurno di dodici disabili. Nel frattempo è venuta fuori la questione spropositata del capodanno con Fedez. A questo punto spero di non sentire mai più “il Comune non ha i soldi per” o “che sono finiti i soldi.” Per Fedez si trovano, per altri no.

Uno dei temi più sentiti è quello della sicurezza.

Esatto. Abbiamo capito che c’è un’evidente sottovalutazione del problema. All’inizio della legislatura ci avevano detto “lavoriamo insieme, parliamo, discutiamo” ma alla fine la capigruppo non è stata più convocata. Ricordo che in campana elettorale annunciavano di assumere nuovi agenti, fare la videosorveglianza e i turni di notte… ad oggi non c’è nulla di tutto ciò.

Ci siamo resi conto che questa Amministrazione non vuole davvero investire sulla Polizia Municipale in termini di sicurezza. E pensare che essa ha un numero di operatori quasi simile a quello della Polizia di Stato. La loro idea è di lasciare l’incombenza alla Polizia di Stato così quello che non si risolve è colpa sua, dello Stato e delle leggi. Quando al sindaco si fanno presenti questi problemi lui si infastidisce, preferisce parlare di Parma 2020. Sulla sicurezza il bisogno dei cittadini è moto forte e le risposte molto deboli. Prima o poi succederà che i parmigiani andranno sotto i Portici del Grano a protestare contro questa Amministrazione.

Una questione di grande attualità è quella dell’aeroporto? Qual è la vostra posizione?

Anche qui invochiamo più di chiarezza. Apprendiamo tutte le notizie dai giornali, mai dall’assessorato o dalle commissioni. Chiediamo risposte chiare alle domande che poniamo, non appelli generici quali “salviamo l’aeroporto senza se e senza ma” che tutti sono capaci di fare. Il punto è: esiste un piano concreto che ha una prospettiva futura? Se sì come dicono, perchè nessuno ci sta investendo e il Comune di Parma rimane da solo?

Sappiamo che Pizzarotti è apprezzato dai vertici regionali e nazionali del Pd. In Consiglio comunale di Parma esiste un’opposizione di centrosinistra?

Siamo diversi gruppi (Parma Unita, PD, Parma Protagonista e il Gruppo misto della Roberti). E’ una galassia che si ritrova su dei temi, su altri ci sono accenti diversi.

Mi rendo conto che per alcuni esistono delle filiere regionale e nazionale, mentre Parma Protagonista è più sciolta. Ciò è negativo perchè non ci garantisce una struttura e ci costruiamo sul momento, è positivo perchè siamo più indipendenti. Sì, esiste un’opposizione di centrosinistra. Non è fortissima, ma siamo pur sempre otto e dall’altra parte abbiamo contro venti consiglieri di maggioranza e un’Amministrazione. Non è facile, ma ci proviamo.

Andrea Marsiletti

  1. Il capogruppo di Effetto Parma, Cristian Salzano, risponde all’intervista del consigliere di Parma Protagonista Eramo: “Mi aspetto e auspico sempre una critica costruttiva. Mi apro al confronto e mi rendo sempre disponibile per trovare soluzioni ma in queste dichiarazioni del consigliere Eramo, pur sforzandomi, non riesco a trovare spunti interessanti. Per chi si era proposto come una nuova politica, direi che la partenza è alquanto deludente.
    “Spacciatour”, “promesse di marinaio (certa fama in merito)”, “spero la gente scenda sotto i portici a protestare”..
    Mi pare che qui non si insulti solo una parte politica, ma anche una intera città. Mi pare non sia un linguaggio istituzionale, con toni che mai mi sarei aspettato da un Consigliere Comunale.
    Qui c’è una volontà politica (anche se di politico vedo ben poco), una voglia di emergere che forse è necessaria a causa delle lotte intestine all’interno del suo partito, di qualche malumore accentuato dalla sconfitta elettorale e sfociato nella fuoriuscita di qualche personaggio. Questo volere sottolineare di essere di sinistra, di essere una vera opposizione… vorrei chiedere forse fino ad oggi hanno creduto di essere una falsa opposizione?
    Le opposizioni si fanno partecipando attivamente alle commissioni e ai consigli. Proviamo a chiedere un resoconto dei gettoni di presenza? Siete stati fino ad oggi una buona opposizione? Avete esercitato debitamente il vostro ruolo?
    Comprendo sia viva ancora in voi la delusione per una recente sconfitta, talmente inaspettata da dichiararsi delusi dalla città. A noi Parma rende orgogliosi ogni giorno e continueremo a lavorare per renderla migliore, insieme ai cittadini. Perché tanto è stato fatto, e tanto vogliamo ancora fare.”

    • Caro Christian,
      non capisco bene quale mio testo stai commentando, ma scrivo una brevissima replica per giustizia, rimandando il dibattito ai luoghi istituzionali.
      Come sai non ho un partito, sono una persona da sempre indipendente e ho sempre partecipato alle mie commissioni e ai consigli tranne quando il mio lavoro non me l’ha impedito (credo in due casi, come è successo a te del resto); non ho alcuna “voglia di emergere”, ma solo di fare correttamente il lavoro della minoranza, che è prima di tutto di controllo; non mi sono mai dichiarato deluso dalla città (anzi, stupito di essere stato eletto, da “straniero”); soprattutto non credo di aver mai insultato nessuno (dire che questa amministrazione fa promesse da marinaio è una constatazione, dall’inceneritore all’imminente assunzione dei nuovi agenti alla costruzione della nuova nuova scuola nell’area dell’ex Castelletto ecc.); sul fatto che stiamo facendo un buon lavoro di “opposizione” decideranno i cittadini.
      Manca tuttavia nel tuo testo quello che manca di solito nel dialogo con questa amministrazione: la risposta concreta e precisa alle domande poste.
      Buone feste e a presto

  2. Francamente non capisco se il problema sono i soldi che si spenderanno o il fatto che si spenderanno per Fedez. Non ricordo polemiche così feroci per Moroder e Sinclar e si che di soldi per loro ne hanno spesi parecchi. Detto questo concordo che la cosa è stata gestita incomprensibilmente male viste appunto le esperienze precedenti. Anche i 67000 euri stanziati in fretta e furia per stabilizzare piazza Garibaldi che ora vengo a sapere essere a rischio di sprofondare visto che l’ex Cobianchi è ridotto malissimo, sono stati una sgradita sorpresa. Ma possibile che non si potesse fare allo stadio questo concerto?

  3. Fedez è stato un grosso errore di Pizzarotti. Da Capodonno non ha più alibi e tutti gli chiederanno dei soldi.

  4. Fedez è uno spot elettorale di Pizzarotti pagato con i soldi pubblici. I parmigiani se ne ricorderanno

  5. Parole chiare quelle di Eramo che rendono bene la pochezza di questa amministrazione comunale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.