La Lega Nord contro la mozione “ius soli” presentata da Pd, Effetto Parma e PP

Abbiamo appreso oggi che nel prossimo consiglio comunale di Parma convocato per mercoledì prossimo è stata ufficialmente inserita una mozione presentata da PD, Effetto Parma e Parma Protagonista, che impegna l’Amministrazione Comunale a sostenere la Legge per lo Ius Soli.

Quando si tratta di battaglie ideologiche e di principio (errato) ecco che si scopre chi effettivamente è opposizione e chi invece condivide le medesime idee: lo dicevamo in campagna elettorale, ora c’è l’evidenza della prova.

Come Lega Nord Parma voteremo compatti e convintamente contro questa follia che impegnerà il Comune di Parma a farsi istituzionalmente portavoce di una minoranza a discapito del reale volere della maggioranza dei parmigiani.

Il conseguimento della cittadinanza italiana è il termine di un percorso di integrazione che deve essere seguito dal richiedente e l’Italia è il Paese che attualmente concede più cittadinanze in tutta Europa. Non si capisce quindi quale sia la necessità di allargare le maglie per l’attribuzione della cittadinanza! Il rischio è quello di invitare nuovi immigrati in un periodo in cui stiamo subendo l’invasione dei finti richiedenti asilo, con tutte le conseguenze in tema di degrado e criminalità.

Questi sono solo alcuni dei motivi che ci portano a dire NO IUS SOLI. Inoltre il Comune di Parma non ha alcun potere istituzionale di sostenere l’approvazione di una proposta di legge, compito riservato al Parlamento in base alla Costituzione: Sindaco e Giunta devo occuparsi della città e dei parmigiani!

Ancora una volta quindi, l’unica forza politica che rispetterà il volere dei parmigiani sarà la Lega Nord.

Per questo ti invitiamo domani, Sabato 25 Novembre, al nostro banchetto in via Mazzini dalle 10 alle 18 per firmare contro lo Ius Soli. Mercoledì 29 porteremo le firme in Municipio a dimostrazione che la volontà dei parmigiani è contro questa legge.

Maurizio Campari, Segretario Lega Nord Parma

Emiliano Occhi, Segretario provinciale Lega Nord Parma

Laura Cavandoli, Capogruppo Lega Nord in Consiglio Comunale

Carlotta Marù, Consigliere Comunale Lega Nord

  1. Parma è diventata un monnezzaio, vedere la brutta fine che ha fatto è assolutamente avvilente.

  2. De Matteis (FdI): “La massificazione dell’immigrazione sta facendo declinare la città. Pizzarotti si affida alle utopie dei radicali nostrani”

    Mentre il primo cittadino si trastulla assieme alla sua giunta ad esprimere formali e sostanziali consensi allo Ius Soli, Parma precipita al 90′ posto su 110 nella classifica del Sole 24ore per la sezione giustizia e sicurezza.

    In classifica generale si attesta al 22′ posto.

    Dai fasti dei primi anni 90 fino ai primi del nuovo millennio, Parma, con indiscusso consenso, ha concorso imponendosi talvolta nella speciale classifica anche da capolista.

    A seguito della massificazione dell’immigrazione, il cui fenomeno resta ad oggi incontrollato, la città, anche condizionata da un pericoloso ideologismo terzomondista, subisce un drammatico declino.

    Non vi è nelle politiche della istituzione cittadina una idea di progettualità.

    Figlio dell’avvento dei cinque stelle, il sindaco Pizzarotti prosegue il suo mandato affidandosi al caso e alle considerazioni utopiche dei radicali nostrani.

    Si dà il caso, però, che i numeri emersi dalla recente classifica gli assegnano una sonora bocciatura.

    Massimo De Matteis
    Coordinatore provinciale Fdi-AN Parma

  3. sempre le solite liti tra destra e sinistra , niente per gli italiani , i partiti non avranno piu il mio voto

  4. Fabio Callori, coordinatore provinciale di Forza Italia e Vice Coordinatore regionale, interviene sulla mozione del PD a favore dello Ius Soli inserita nel prossimo Consiglio Comunale: “L’Amministrazione Comunale di Parma intende precorrere i tempi inserendo nel prossimo Consiglio Comunale una mozione, a firma PD, Effetto Parma e Parma Protagonista, a sostegno della Legge per lo Ius Soli. Nessun potere Istituzionale attribuisce al Comune questa facoltà riservata al Parlamento ma il PD auspica, così facendo, nella possibilità di “racimolare” qualche voto.
    Non è certo questo che i cittadini chiedono e di cui hanno bisogno: reclamano sicurezza, tranquillità, lavoro, servizi adeguati; pretendono di riappropriarsi della loro città! Sono stanchi di questa invasione smisurata e ormai senza controllo, di degrado e criminalità , di incuria in tantissime zone della città.
    Forza Italia è come sempre al loro fianco e si oppone con fermezza alla presentazione di questa illogica mozione che non rispecchia certo il volere dei parmigiani.
    Quindi no a IUS SOLI e SI a ciò che la città merita veramente: SI al bene dei suoi cittadini con la dimostrazione di concretezza e la voglia di lavorare sodo per un reale cambiamento!”

  5. Quei poveracci della lega nord non perdono occasione per dimostrare la loro totale ignoranza in tema di immigrazione (e non solo). Quei poveracci, dicevo, non conoscono nemmeno il testo del disegno di legge sullo Ius Soli, che nulla ha a che fare con gli immigrati o richiedenti asilo di nuovo arrivo in Italia. Giova ricordare che il disegno di legge sullo Ius Soli prevede la cittadinanza italiana per i figli di immigrati all’atto della nascita in Italia a patto che vengano rispettati una serie di parametri altamente restrittivi. Quindi, cari (!?) leghisti, prima di parlare informatevi, eviterete figure di melma.

    • In provincia di Parma nella classe di età 40-44 anni ci sono 19.000 donne, in quella 15-19 la metà. Donne che escono e donne che entrano nell’età feconda. Se negli ultimi 30 anni si fossero aiutate le prime a fare un figlio in più non saremmo in questa situazione drammatica dal punto di vista demografico perché ormai non mancano più solo i figli ma anche le madri. Dei 392.000 parmigiani del 1990, fra sopravviventi e loro discendenti ne sono rimasti 290.000 in gran parte ultra quarantenni. 160.000 persone sono arrivate negli ultimi 20 anni da fuori provincia, 100.000 meridionali e 60.000 stranieri e nei prossimi 20 anni questo fenomeno aumenterà a parti invertite. La stupidità con la quale oggi la sinistra affronta il problema non oscura affatto le vostre responsabilità per non aver aiutato, quando lo potevate fare in modo efficace, le famiglie italiane che desideravano avere figli. Nel resto d’Europa tutti lo hanno fatto ed è per questo che loro chiudono le frontiere all’immigrazione incontrollata e noi no. Nella migliore delle ipotesi siete tutti degli incapaci. Nella peggiore è più probabile siete invece come il pastore che , anziché accontentarsi della vendita della lana, ha deciso di macellare il gregge e venderne la carne per comprare poi altri ovini di lana scura ad un prezzo più basso. Quello che vi interessa è solo rimanere alla guida del gregge e avere sempre qualcosa da mangiare.

    • Non offendiamo i legaioli , per carita’, chiamandoli poveracci !

      Sono solo personaggi piccoli piccoli che seminano odio e malconto per tanti creduloni altrettanto poveracci.
      Poveracci che erediteranno – dopo il loro voto legaiolo – solo miseria, sberleffi e nessuna prospettiva per il loro avvenire.
      Che volete, la politica ormai è cosa che riguarda solo questi lugubri figuri capaci solo di seminare vento.
      La crisi del paese non è solo economica, ma è morale.
      Questi ipocriti , quindi, non daranno nessuna prospettiva al Bene Comune.

Lascia un commento

Your email address will not be published.