Navi italiane in territorio libico, Calvano (Pd): “Se le migrazioni diventano eccessive nessuna politica di integrazione diventa efficace”

Il segretario regionale del Pd dell’Emilia Romagna, nonché commissario del Pd di Parma, Paolo Calvano, interviene su Facebook sul tema dei migranti con un post dal titolo “Aiutiamoli, nel loro e nel nostro interesse”. Scrive Calvano: “Navi italiane in territorio libico, per aiutare e supportare i libici nell’arginare le partenze. Potevano pensarci prima, dirà qualcuno. Sì certo, però se è stato fatto ora significa che il lavoro è stato pensato ed è partito mesi e mesi fa. 

Allora potevano far partire quel lavoro anni fa, dirà qualcun altro. Sì certo, però qualche anno fa non essendo l’emergenza di queste dimensioni, probabilmente la Libia non avrebbe acconsentito all’arrivo di flotte straniere per monitorare le proprie coste.

Tutto ciò per dire cosa? Che chi non governa ha gioco facile nel dire che serve ben altro o che si è in ritardo. Però “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” e mai proverbio fu più azzeccato.

Chi non ha l’onere della prova può sempre limitarsi a “dire” apparendo magari anche intelligente e sveglio, chi governa invece è chiamato a “fare” dopo aver detto, ed è quello che sta facendo l’attuale Ministro degli Interni, Marco Minniti.

Il populismo del “dire” paga, finché non si ha la responsabilità del “fare”.

E a chi dice che in questo modo si vogliono limitare le partenze e lasciarli nei loro Paesi, va ricordato che le migrazioni devono essere accompagnate da integrazione, se le migrazioni diventano eccessive nessuna politica di integrazione, anche la più facoltosa, diventa efficace. Perché l’integrazione ha bisogno di tempo oltre che di soldi.

C’è chi non ne vuole integrare neanche uno, c’è chi invece è pronto a farlo però per farlo bene sa che ci vuole anche gradualità negli arrivi da gestire.

  1. Massimo Pinardi interviene nel dibattito sul nuovo bando della Prefettura per ospitare 500 migranti nella nostra Provincia: “Non è forse il caso di convocare l’Assemblea Provinciale dei Sindaci per discutere di come affrontare territorialmente la questione profughi? Confrontare le diverse esperienze, finora maturate, valutandone sia gli aspetti positivi sia gli aspetti più critici non è forse opportuno? Ascoltare in una sede istituzionale le singole posizioni dei primi cittadini circa le criticità nella eventuale distribuzione delle persone in cerca di una vita migliore non è forse utile? Infine non è forse il caso che i sindaci si presentino su mandato dei rispettivi consigli comunali, previa discussione con approvazione di mozioni politiche in seno al consiglio comunale, organo di indirizzo politico, che impegnano il sindaco a sostenere la volontà del consiglio comunale stesso? 630 consiglieri comunali eletti in tutti i comuni della provincia se ci siete battete un colpo. La politica vi chiede di assumere decisioni importanti.”

  2. ANCORA NESSUNA NOTIZIA SU IMMIGRATI OSPITATI A CASA DEL COMPAGNO…. il compagno continua a vomitare buonismo in chat a difesa delle risorse della BOLDRINI. Peccato che ancora non sia giunta notizia che “il compagno” abbia aperto le porte della sua casa per accogliere almeno un paio di migranti. Forse perché ha paura che il suo divano comprato di recente possa sporcarsi. Oppure il pàrquet possa graffiarsi?… Il compagno è il classico comunista a cui piace fare il frocio ma con il culo degli altri.

    • Si e poi arriva il ghibellino che mi dice che li ospito per fare quattrini.Ma non fai prima a dire che non te ne frega nulla di sta gente invece di rompere sempre con la solita solfa del “portali a casa tua”?E tu ghibellino quanti disoccupati italiani ti prendi??Cio’ detto non amo particolarmente questo sistema non tanto per gli arrivi ma i morti i troppi morti che ci sono stati e purtroppo ci saranno ancora,cosi’ come non mi piace che vi siano privati che si azzuffano per ospitare queste persone solo per fini economici.Questa questione va affrontata dal sistema pubblico,dai governi nazionali e locali.

      • “ma i morti i troppi morti che ci sono stati e purtroppo ci saranno ancora”… Non glielo ha mica prescritto il medico che devono venire in Italia.

        • Pero’ vengono sebbene per la maggioranza la meta non è l’Italia al massimo è punto d’approdo.Lei che dice sparare a vista??Lanciare bombe??Oh puo’ anche non rispondere,sinceramente della sua opinione poco mi interessa.

          • Sparare? ricacciarli? Lo hanno fatto la civilissima Spagna, Francia e Germania non vedo perché non dovremmo farlo noi.

  3. Prendersela con gli immigrati, con i poveri, i barboni, i tossici, i gay, i “comunisti”…sono proprio le sementi del neo fascismo che stanno germogliando; invece di praticare la lotta di classe per migliorare la propria vita, esigendo giustizia ed uguaglianza, un pò di gente si è fatta irrazionale e ormai parla solo di questo come se fosse il problema, l’unico problema..150.000 mila stranieri su 60.000.000 milioni di abitanti..come si fa a dire tante stupidate?…..quando da 10.000 anni, diecimila, le popolazioni girano per il mondo e si spostano, per la guerra, per la fame, per il lavoro, per fare una nuova vita…per tanti motivi insomma..chi c’era in pianura Padana quando ci vivevano i leoni (trovato in Po l’altro giorno..) o i mammuth? e chi andava negli Usa e in tutto il mondo 100 anni fa con le pezze al culo? Più che farsi bollire il cervello dai razzisti di professione sarebbe meglio pensare in positivo e come gestire questo fenomeno inarrestabile..Il Governo e le Prefetture in particolare stanno facendo molto bene e questo piano che funziona ormai da alcuni anni sta evitando che ci sia gente allo sbando, in balia della malavita, nonostante Sindaci codardi che per un branco di voti farebbero le barricate…Con i governi precedenti e con la famosa legge Bossi Fini, ho visto nascere le baraccopoli alle periferie e il lavoro nero coi “caporali” e i clandestini aumentati come non mai mentre l’Italia pian piano si è degradata sprofondando fino a fallimento economico di 5 anni fa..Meno chiacchere, più lavoro cerebrale e farsi su le maniche, tutti, altro che presidi e i soliti fake video on line, col nero cattivo… è una ruota che gira questa e ora tocca a noi.

  4. La famosa scoperta dell’acqua calda. Complimenti. Che tristezza avere fatto i buonisti e ora fare i buonisti con moderazione.

    • Beh certo piu’ facile sparare slogan (per non dire altro) irrealizzabili e contrastanti alle piu’ elementari regole del sacrosanto diritto all’asilo.

      • “irrealizzabili”
        quando c’erano i potenti in sicilia gli sbarchi erano bloccati……………allora si può genio……..

        • Questo Cabassa scive in italiano come un alieno.

          Forse i dignitari della Lega devono ancora insegnare ai loro adepti l’uso delle virgole e soprattutto la conoscenza delle aste.

          Mo mama !

  5. dopo i vari flop (Kyenge compresa) saltate sù così, speriamo che non sia solamente un ROSC temporaneo. Non bastano gli 80€ (solamente ai dipendenti) per far digerire la pillola dell’accoglienza obbligatoria.

  6. La Prefettura continua a cercare posti per richiedenti asilo. Il nuovo bando coinvolge anche Fidenza, che si prepara quindi ad ospitare altri migranti dato che secondo i calcoli matematici della Prefettura non ce ne sono abbastanza. Stavolta non ci sono scuse che tengano: la notizia è riportata sulla prima pagina della Gazzetta, il sindaco non può dire di non sapere nulla e cadere dalle nuvole, come fa di solito. Gli chiediamo di comunicare immediatamente alla città gli esiti del bando della Prefettura. Invece di trascorrere il suo tempo sui social o a fare video nei cantieri, il sindaco potrebbe fare qualcosa di più utile. Per esempio andare in Prefettura e far valere le ragioni della nostra città e dei suoi abitanti. Giorni fa il sindaco (mentre il suo capogruppo di maggioranza organizzava la festa di benvenuto ai richiedenti asilo arrivati a inizio luglio) aveva fatto la voce grossa contro il sistema. Adesso vogliamo i fatti, oppure dovremo pensare che questo sistema a lui va bene. Non possiamo essere succubi di questo meccanismo messo in piedi dal Governo del Pd e applicato dalle Prefetture che non fa altro che alimentare un grande business. Il Governo forse pensa che distribuire soldi a pioggia sia la soluzione ma non è così. E’ solo un modo per alimentare all’infinito un business fatto sulla pelle delle persone e che non aiuta nessuno, nè i migranti, nè gli italiani. Ricordo, infine, al Prefetto che, in percentuale, la provincia di Parma ospita più migranti di quella di Bologna. Non ritiene anche lui che sia ora di cambiare registro?

    Francesca Gambarini
    Capogruppo Forza Italia

  7. Ora che siamo al collasso il PD fa il verginello. Ma dove era negl’anni passati quando le nostre città grazie alle leggi del Berlusca prima e sue dopo sono diventate ghetti in cui si ha paura a uscire di notte? “Allora potevano far partire quel lavoro anni fa, dirà qualcun altro” e certo cavolo, l’emergenza è decenni che c’è, siete voi che vi siete svegliati solo ora (anche se secondo me siete stati sempre molto “svegli” al riguardo) e fate quelli padroni della situazione. E’ Renzi che per avere gli sconti dall’Europa e dare i famosi 80 euri che ora sta riprendendo, ha firmato accordi per far arrivare tutti i migranti da noi, non è stato qualcun’altro, quindi sapevate molto bene dove si andava a finire e ora fate gli splendidi. Ma per favore!

  8. PRESIDIO CONTRO UN’ACCOGLIENZA DISSENNATA

    A partire dalle ore 10 di mercoledi 2 agosto Fratelli d’Italia-AN di Parma effettuerà un presidio in strada Imbriani, angolo Strada D’Azeglio (largo chiesa SS.Annunziata), per manifestare contro la politica del Governo in materia di immigrazione e per denunciare le evidenti conseguenze di un’accoglienza dissennata , utile per pochi ma deleteria per tutti. L’iniziativa avrà termine alle ore 12.

    • Si in particolare utile per voi,dal momento che se non ci fosse il fenomeno migratorio dovuto essenzialmente al criminale sistema liberlcapitalista che si nutre di guerre e sfruttamento,non avreste nemmeno i numeri per amministrare un condominio,incapaci e buoni a nulla.

  9. Calvano ha espresso una posizione di buonsenso che apprezzo: integrazione sì ma con gradualità e secondo le possibilità di accoglienza del nostro paese.

    • Ci pensano i LEGHISTI a ricostruire il Paese.

      Con la cultura del loro leader c’è da star freschi !

      MM , il censore, sbraita senza senso : ed è questo purtroppo il nuovo che avanza !

  10. Maglio tardi che mai. Quelli del Pd ci arrivano sempre dopo, quando il danno è già stato fatto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.