Elezioni comunali di Parma: Paolo Scarpa ha presentato i nomi dei firmatari per il cambiamento della città

Oggi alle ore 15 presso la Galleria Giorgio Mazzocchi a Parma Paolo Scarpa (leggi) ha presentato il progetto che punta a coinvolgere partiti e movimenti, ma soprattutto persone, in vista delle elezioni comunali parmigiane del 2017 per avviare un “percorso trasparente delle candidature”. Scarpa ha presentato i nomi dei sottoscrittori dell’appello per il cambiamento della città (leggi il testo della lettera aperta).

Erano presenti all’incontro i vertici del Comitato Cittadino del Partito Democratico (il segretario Lavagetto, la vicesegretaria Bonetti, Cominassi) e i vertici di Parma Unita (Ghiretti, Pezzuto, Scotti). Tra il pubblico erano presenti anche l’ex candidata sindaco di Parma Bene Comune e Rifondazione Comunista Roberta Roberti, Maria Teresa Guarnieri e altre persone della società civile.

“Questo incontro non è il lancio della mia candidatura” dichiara Paolo Scarpa. “Oggi iniziamo un percorso di confronto con la città. Non partiamo da zero ma dal lavoro del Borgo di cui sono stato presidente fino a due giorni fa, da quello di ParMap del segretario cittadino, da quello di Parma Unita di Roberto Ghiretti. Le primarie? Le primarie del PD sarebbero un bagno si sangue. Bisogna aprirsi ai cittadini che devono poter scegliere i nomi dei candidati e il programma, e questo indipendentemente da fattori o scadenze esterne o nazionali. La città è in difficoltà, non è vero che la Parma del 2016 è messa meglio di quella del 2011, anzi. Per molti aspetti è peggiorata, però la città ha a disposizione persone, associazioni e imprese eccezionali”.

  1. Notiamo tra i tanti, c’è un avvocato dichiaratamente di destra….che mal si concilia con il Sig.Francesco Dradi, ex pres.di Legambiente e sinistrorso…
    Il miracolo e’ compiuto: w Ghiretti, w Parma, w l’Italia e W il P.D.U. PARMA DEMOCRATICA UNITA…….

  2. Quante vecchie ciabatte a sostenere Scarpa.
    Mi meraviglio soprattutto di Fogliazza, che apprezzo come autore e vignettista, che si presta a sostenere il candidato di Ghiretti (e del PD) quando ai tempi di Polis faceva vignette molto dissacranti contro Ubaldi e Vignali. Critiche costruttive le chiamava all’epoca, e ora sostiene questo carrozzone che raccoglie molti dei vecchi civici. Una specie di pentapartito in salsa parmigiana che se dovesse vincere non durerebbe un anno, visto l’estrema eterogeneità della formazione, dilaniato da lotte di potere interne per le poltrone.

  3. Una stupenda armata Brancaleone: da Ghiretti, a Roberta RoBerti, ex comunista, per transitare sulla Guarnieri, ex Ubaldiana E POI CONFLUITA DI FATTO NEL PD, e finire addirittura con Michele Rainieri ex braccio destro di Big Villo……E QUESTA SAREBBE LA SOCIETA’ CIVILE????? HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAH
    MAI VISTA UN’ACCOZZAGLIA DI GENTE DEL PASSATO CHE SI RIPROPONE SOTTO LE MENTITE SPOGLIE DEL CIVISMO….CHE TRISTEZZA….SON GIA’ UNA SCARPA….VECCHIA HAHAHAHAHAHAHAH

  4. Mentre in questi giorni comunicavo su facebook, l idea di creare una mia lista elettorale e banchetti informativi per denunciare la mafia e la corruzione in questa citta’ di cui sono vittima e per cui ho fatto diverse denunce ed esposti a partire da fine 2008 ad oggi e per cui la stessa Procura di Parma mi indaga di calunnia per senso di vendetta, dopo aver denunciato per violenza il mio ex fidanzato, ecco che compare Scarpa che sembra volerci fare le scarpe da parte del vecchio pd che e’ un riciclo dell ex giunta pdl ??????? La mia lista elettorale sara’ una provocazione a queste mummie della politica parmigiana, ma sara’ anche un modo per denunciare la mafia e la corruzione in questa citta’ e nazione, dove soprattutto le donne diventano soggetti da stuprare per mano della stessa politica che alberga nei luoghi istituzionali.

  5. E’ un progetto intelligente, per il bene della città. Credo che le firme siano tutt’altro che insignificanti e che questo sia l’unico modo per ridare slancio a una città in agonia.

  6. In pochissimi del Borgo hanno sottoscritto questa candidatura di Scarpa avendo capito che questo politico ha strumentalizzato l’associazione per lanciarsi alle primarie. Di voti dentro il Borgo Scarpa ne prenderà pochini pochini

  7. La Roberta Roberti non rappresenta in niente rifondazione comunista. Anzi, è sparita dopo non essere stata eletta e adesso ricompare per provare un’altra volta a trovare una poltrona su cui sedersi. Abbiamo fatto un grande errore a credere in lei.

  8. Forse commissariare la segreteria del comitato cittadino del pd è davvero l’unica soluzione se questa ammucchiata di trobati è il risultato del loro lavoro di tre anni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.